Currently reading

Quando cala il buio
Massimiliano Bellezza
La saga di Terramare: Il mago-Le tombe di Atuan-Il signore dei draghi-L'isola del drago-I venti di Terramare-Leggende di Terramare
Ursula K. Le Guin
Touched
Elisa S. Amore

The Hunger Games (The Hunger Games, Book 1)

The Hunger Games - Suzanne  Collins Ho appena finito da poco di leggere il libro e sono ansiosa di dire la mia ^.^
Prima di tutto però, vorrei dire che non faccio parte della categoria di persone che ha letto questo libro SOLO perché a breve uscirà il film. Ho adocchiato Hunger Games da moltissimi mesi ormai ma per molte ragioni (una tra tante è quella che non avevo voglia di incominciare un’altra trilogia) non lo avevo ancora incominciato. Poi sono stata contagiata dalla frenesia di tutti e mi è sorto un dubbio… Vedere prima il film e poi leggerlo o viceversa?!
Dato che sono qui a recensirlo, la risposta è superflua XD Passiamo però a ciò che penso…
Scambiando opinioni con altri Blogger, ho avuto piacere di sentire due parti “opposte” riguardanti al libro che sto proponendo. Moni lo adora, ne è diventata praticamente dipendente mentre Mik non è rimasto poi così colpito. Riporto brevemente un paio di passaggi di Mik che mi hanno lasciato un po’…… così, interdetta “…Secondo me l'autrice ha deciso di cimentarsi con una trama nemmeno tanto originale, ma comunque innovativa per il panorama "young"..non sono un sadico, ma se si decide di prendere una strada, per quanto coraggiosa, si deve mantenere fino alla fine…” e “…Un libro così doveva essere crudo, violento..non "all'acqua di rose" ! Per me la Collins non ha avuto man forte di condurre la storia dove voleva lei ed è finita per omologarsi agli altri autori del genere…”. Dall’altra parte però sentivo lei che sviolinava a tutto spiano e visto che questo discorso è venuto prima che io finissi il libro, non potevo dare un mio parere completo a nessuno dei due.
Adesso si.
In sé il libro è molto coinvolgente, ci sono dei punti dove mi sono ritrovata a provare le emozioni della protagonista Katniss, altri però li ho trovati un po’ confusi. Secondo la mia natura indagatoria ci sono dei passaggi dove secondo me bisognava soffermarsi di più.
Come è stato detto, se si incomincia in un modo, poi si deve avere il coraggio di andare avanti così e non pentirsi. Condivido per metà questo pensiero.
La storia a mio parere è abbastanza originale e anche molto azzardata. Non è facile creare un mondo dove i giovani vengono stappati dalle loro case per diventare dei guerrieri assassini senza poi creare un conflitto con la propria umanità. Il finale è indubbiamente più romantico dell’inizio, ma secondo me è comunque molto appropriato. Mettere fine in maniera così sconvolgente secondo me è sempre molto difficile perché, in un modo o nell’altro ti affezioni a chi hai creato. Quindi per quanto non sia riuscita a finire nello stesso modo in cui aveva incominciato (sempre che fosse quella la sua idea iniziale), ha creato un finale molto intrigante. Mio malgrado però, non sono particolarmente attratta dal seguito… Lo leggerò, giusto perché voglio sapere come finisce.
Discutiamo ora dei personaggi (altro argomento venuto fuori durante la conversazione).
Katniss… un misto di coraggio e stupidità come questi difficilmente l’ho trovata. Ammetto che anche io sarei stata molto istintiva e diffidente verso tutto e tutti (come fare diversamente?! In fondo sono tutti lì per uccidersi, come fai ad essere sicuro di non ritrovarti un coltello nella schiena proprio da un tuo “compagno”??), però certe cose ovvie non possono non essere viste e almeno ponderate! Non la odio chiariamoci, però la trovo parecchio stupida.
Peeta…… ah, di certo non potrebbe essere l’uomo adatto a me! Indubbiamente è coraggiosissimo ma è anche uno zerbino di dimensioni stratosferiche. Posso capire che lui stia cercando di aiutarla per farla vincere (PERCHE???????? Ok, ho mentito! Non lo capisco! Ma tu dimmi perché deve immolarsi per lei così, di punto in bianco senza nemmeno reagire una sola maledettissima volta!!!!!!), però secondo il mio personalissimo punto di vista, in sua presenza, un po’ di “pugno duro” ci vorrebbe proprio! Anche solo dirle il suo piano… giusto per non far fare la figura da babbiona a Katniss…
Ma tra pecche e momenti intensi, sono giunta alla conclusione che questo sia un bel libro da leggere PRIMA di vedere il film. Quindi mi appello a tutti quelli che stanno ancora decidendo, a tutti quelli che stanno aspettando il film, a tutti quelli che si rifiutano di leggere un libro che presto finirà in cima alle classifiche di vendita… LEGGETELO! Fatelo ora, prima che incominci il caos e che le copie si volatilizzino! (per chi invece aspetta il terzo, mettiamoci il cuore in pace, lo pagheremo salato…)