Currently reading

Quando cala il buio
Massimiliano Bellezza
La saga di Terramare: Il mago-Le tombe di Atuan-Il signore dei draghi-L'isola del drago-I venti di Terramare-Leggende di Terramare
Ursula K. Le Guin
Touched
Elisa S. Amore

Continuum. Il soffio del male

Continuum. Il soffio del male - Gianfranco Nerozzi La trama di “Continuum” mi aveva incuriosito moltissimo perché io sono particolarmente attratta dalle storie crude e crudeli ma sono anche molto scettica perché spesso, queste qualità in realtà non ci sono.
Il Commissario Negronero, ci porta per mano nel mezzo di un’indagine tanto cruda quanto inverosimile.
Nuove droghe, bambini morti, vespe assassine, maschere di teschi, morti spaventose…. Questo è il mix micidiale che ci viene proposto e devo dire, lo approvo senza proferir verbo. Fin dalle prime pagine ho provato curiosità e gioia per quello che avevo tra le mani. La lettura, per quanto fosse rallentata dal carattere piccolo, procedeva senza intoppi, perché aspettavo con febbrile trepidazione il “botto”…. Che però non c’è stato.
Le indagini procedono seguendo un disegno che a noi lettori non viene spiegato. Dobbiamo scoprirlo con gli indizi che ci vengono forniti, fino a quando…… il cattivo muore. Così, di punto in bianco, senza nemmeno far sforzare troppo il Commissario…. Perché?!? Questa domanda mi frulla in testa da parecchio, ventimila capitoli per divagare e uno (forse anche meno) per far finire tutto, facendoci “mordere aria fritta”. Il libro già è un mattone, si potevano spendere parole in più, no? Insomma, il pezzo forte è proprio quello, perché togliercelo? Non me lo sono gustata… Il peggio però non è questo. In sé, un finale veloce, per quanto possa far innervosire una come me, potrebbe essere apprezzato da altri.
Se però fosse questo il finale.
Ebbene si ragassuoli, il finale non è tra quelli classici dove il buono spara il cattivo e tutto si risolve. Già da metà libro si capisce che il lieto fine non esiste ma quello che ho trovato negli ultimi dieci capitoli, è tra le conclusioni più assurde e (a parere mio) mal combinato. Non per ricoprire il ruolo della solita Stronzetta incontentabile ma se incominci in un modo, non puoi finire con altro.
Detto questo, non mi sento di sconsigliarlo, io alla fine l’ho apprezzato (anche con i suoi difetti), però ocio… Il finale potrebbe deludervi un po’.